Top_bar.jpg
Left_bar.jpg
 

QUI RADIO LONDRA 2012

PHOTOGALLERY

Mondo Scuola
Norme e Sicurezza
Forum e Convegni

Dati e Regate

Archivio Tecnici
Opinioni
Calendario
 
 

 

1971-2011
BUONCOMPLEANAC
40 anni di canottaggio allenato
 

 

 

banner

 Filippi Lido

 

 
      QUI RADIO LONDRA 2012
        a cura di Andrea Messina
 

Prima giornata – sabato 28 luglio 2012

Tra tutti gli Olympics Venue credo che Eton Dorney sia il più lontano di tutti. Poi, per chi come me ha trovato un appartamento nell'Est di Londra le cose si complicano ancora di più! Morale della favola: Sveglia alle 5 del mattino, colazione veloce (altro che English Breakfast!!!!) e veloci a prendere il primo treno nell'intricato labirinto della Tube londinese.. cambio al volo per una sola fermata e poi dritti spediti sul treno che ci porta diretti a Windsor - Eton Dorney.

Tra le facce assonnate dei passeggeri si scorge qualche travestimento bizzarro (il primo premio per più colorati se lo contendono australiani e olandesi) e già da qui si intuisce che oggi non sarà una semplice giornata di tifo.. Dopo un'ora di viaggio arriviamo finalmente a destinazione! Un fiume di persone proveniente da ogni parte del mondo si riversa nella piccola stazione, e qui troviamo ad accoglierci i volontari che, con il loro entusiasmo e sorriso da alcuni anni a questa parte stanno conquistando a pieno titolo gran parte del merito della riuscita dei Giochi Olimpici. Bisognerebbe dedicare un intero libro alla generosità e l'operosità di questi simpatici omini in viola, ma il tempo a disposizione non mi permette di dilungarmi eccessivamente quindi, dirò solamente che essere accolti da sorrisi amichevoli, battute, belle parole sul proprio Paese di provenienza.. beh.. vale il prezzo del biglietto!! Per una volta non ci sono politica e spread ad impensierire ma soltanto la voglia e la gioia di condividere con altri un momento che, nel bene o nel male, resterà impresso nella memoria di tutti.

Chiusa questa breve parentesi arriviamo allo smistamento dei tifosi sui bus che porteranno direttamente al campo di gara. Tutto viene svolto con una cura maniacale, ma senza creare disordini o ritardi.. I famosi controlli da parte delle forze dell'ordine che hanno fatto tanto parlare durante il periodo pre olimpiadi si riduce ad un veloce passaggio attraverso il metal detector, ma non è stato raro vedere più persone fermate per un controllo più approfondito di biglietti e zaini. Si cammina per circa 15-20 minuti (!!!!!) lungo un percorso che porta dritto verso i numerosi chioschetti che offrono ogni tipo di cibo e bevande, oltre che di gadget con i cinque cerchi impressi ben in vista.

Il colpo d'occhio è davvero impressionante. Enormi tribune costeggiano per tutti gli ultimi 250 mt entrambi i lati del campo di gara e, quando si sale su una di esse ci si rende subito conto che da lì a poco tutti gli atleti partecipanti proveranno e regaleranno emozioni indimenticabili. Non mi soffermerò sulle regate e tantomeno non ho intenzione (almeno per oggi) di aprire discussioni sull'andamento delle nostre imbarcazioni.. Voglio solo dire che il boato che accompagnava ogni imbarcazione della Regina entrava con prepotenza nel corpo facendo rizzare ogni singolo pelo delle braccia tanto era fragoroso! Brividi allo stato puro! Da non dimenticare gli applausi e le standing ovation dedicate a chi appartiene ad una Nazione emergente. La loro determinazione avrebbe reso sicuramente orgoglioso de Coubertin.. La sapeva lunga il Conte e diceva bene "L'importante non è vincere, ma partecipare." Che ci si creda o meno è davvero così. O forse valeva solo per oggi?? Ormai il ghiaccio è rotto, non resta altro che attendere domani per una nuova entusiasmante giornata di Grandi Giochi!

Alla faccia della sveglia e dei viaggi in treno.. essere qui è qualcosa di inimmaginabile!!

 
 

banner

 

Right_bar.jpg
 
 

 

NUOVO INDIRIZZO MAIL!!
Si ricorda che Il nuovo indirizzo mail dell'ANAC è anacrowing@gmail.com 

 

 

 

 

 

 



Sito ANACC - 2002/2009